Acquista i biglietti

BOLERO e GAITE' PARISIENNE

BOLERO e GAITE' PARISIENNE

 Teatro di Rifredi - Firenze

coreografie e regia Loris Petrillo MaI^tre de ballet Bruno Milo assistente alle coreografie Maria Vittoria Feltre musica Maurice Ravel e Jacques Offenbach danzatori Boris Desplan, Lorenzo Di Rocc

coreografie e regia Loris Petrillo MaI^tre de ballet Bruno Milo assistente alle coreografie Maria Vittoria Feltre musica Maurice Ravel e Jacques Offenbach danzatori Boris Desplan, Lorenzo Di Rocco, Giuseppe Iacoi, Gian Marco Martini Zani, Riccardo Papa, Marco Purcaro, Gabriele Vernich, Luca Zanni. costumi ideati da Loris Petrillo e realizzati da Opificio della Moda e del Costume disegno luci e direzione tecnica Alessandro Ruggiero Loris Petrillo, coreografo internazionale dal forte segno fisico, mette in relazione due grandi classici del repertorio ballettistico, estrapolandoli dalla loro collocazione storica e restituendone una lettura contemporanea al centro della quale stanno i corpi maschili; corpi che si mettono al servizio della sua danza, potente, poetica e ironica. Lo spettacolo è un gioco di ritmi e di intrecci, un lavoro coreografico dove la figura maschile si staglia al centro come collante, misura e ipotesi di una danza sempre più carnale. L’uomo, gioca e descrive una contemporaneità che non ha più etichette, dove la diversità non esiste, dove si può indossare una maschera di forza e di eleganza e di ironia passando dal corpo maschile, senza per questo tradire il senso dell’opera ma piuttosto lasciando all’opera la possibilità di farsi leggere e raccontare, aprendo ad una riflessione più estesa sulla sessualità e sulla capacità di un corpo di essere ben più di un corpo. La riuscita dello spettacolo è anche dovuta all'efficace scelta degli 8 straordinari danzatori, estremamente diversi per caratteristiche tecniche, fisiche e percorsi formativi che spaziano dalla danza accademica, all’Hip Hop: urlano e sussurrano, fluttuano e si aggrovigliano in un dosato mix di parole e danza. E nello strepitoso, esilarante Can Can finale si liberano degli abiti per mostrarsi in uno scintillante perizoma sublimando la centralità fisica della loro danza.