Acquista i biglietti

ALPENSTOCK

ALPENSTOCK

 Teatro di Rifredi - Firenze

di Rémi De Vos traduzione di Antonella Questa regia di Angelo Savelli con Antonella Questa, Ciro Masella, Fulvio Cauteruccio costumi Serena Sarti | scene Tuttascena | luci Henry Banzi Scritta n

di Rémi De Vos traduzione di Antonella Questa regia di Angelo Savelli con Antonella Questa, Ciro Masella, Fulvio Cauteruccio costumi Serena Sarti | scene Tuttascena | luci Henry Banzi Scritta nel 2005, Rémi De Vos situa “Alpenstock” nel Kyrolo, regione di un paese immaginario circondato da alte e nevose montagne dove abitano, in una linda casetta, Fritz e Greta. Mentre Fritz è in ufficio alle prese con pile di scartoffie, la dolce Greta passa tutto il giorno a fare pulizie. E quando ha finito ricomincia, perché ai suoi occhi la casa non è mai abbastanza pulita. Il ménage super convenzionale della coppia Fritz e Greta viene scombussolato dall’arrivo di Yosip Karageorgevitch Assanachu, di nazionalità balcano-carpato-transilvana. Paese praticamente introvabile sulla carta. E fa esplodere la bella armonia apparente. Una coppia ridicola che ci dà brividi d’orrore tanto è politicamente scorretta. Lui al limite del fascismo, lei completamente soggiogata. Yosip lo straniero non è da meno: un pedante zoticone che ci vuol far credere che al suo Paese tutti gli uomini di una stessa famiglia si somigliano come cloni e portano lo stesso nome.