FUNK OFF ON STAGE

FUNK OFF ON STAGE
Benvenuti sul nuovo BOXOL.IT
FUNK OFF ON STAGE

ACQUISTO CONGIUNTI: I posti ravvicinati sono riservati ai congiunti (familiari, conviventi e tutte le persone che, in base alle disposizioni vigenti, non siano soggette al distanziamento interpersonale). Tale dichiarazione rientra nella responsabilità individuale. ACQUISTO SINGOLI: I posti singoli sono acquistabili senza limitazioni. L'organizzazione si riserva di ricollocare eventuali acquisti non conformi alle disposizioni. INFORMAZIONI GENERALI PER L'ACCESSO ALL'EVENTO: Per questo evento è necessario stampare il proprio biglietto in PDF, compilare e ritagliare il questionario da consegnare all'accesso. Per salvaguardare la sicurezza di tutti i presenti si richiede inoltre di: -mantenere il distanziamento di 1 metro dagli altri ogni volta che sia possibile e durante tutto lo spettacolo. -igienizzare le mani -indossare la mascherina -seguire il percorso relativo al settore in cui si trova il posto prenotato sia in ingresso che in uscita -seguire le istruzioni del personale incaricato sia in entrata che in uscita dal posto assegnato Si ricorda inoltre che non sarà consentito l’accesso al di fuori dell'orario previsto.

FUNK OFF ON STAGE Chi è stato a una qualunque delle edizioni estive, invernali o primaverili di Umbria Jazz a partire dal 2003, si è portato via con i Funk Off una cartolina musicale del festival. Inutile ormai presentare i Funk Off. La street band toscana è diventata popolarissima con una formula originale e riconoscibile: superare il concetto di marching band della tradizione di New Orleans (il jazz è nato così) proponendo una musica trascinante e spettacolare, moderna e coinvolgente. Questa volta però si cambia lo scenario. Non più la parata per le strade del festival, ma la meno consueta performance sul palco in piazza. La band regge benissimo (lo ha già dimostrato) la prova “on stage” perché nel suo DNA non c’è solo il senso dello spettacolo ma anche una solida cultura musicale che trascende i generi. Pensate a una musica in cui si affacciano, oltre al jazz delle origini, anche echi r&b di James Brown e la polifonia acidula dei fiati di Frank Zappa, fino al puro funk tipo George Clinton e le più moderne tendenze hip hop. Il gruppo toscano è stato in pratica riproposto quasi tutti gli anni, sia a Perugia che a Orvieto e Terni, diventando un’attrazione del festival. Stesso successo ha riscosso anche all’estero, da Melbourne a New York fino in Cina.