TSOI

Benvenuti sul nuovo BOXOL.IT
TSOI

L’autista del bus che ha ucciso Viktor Tsoi sta trasportando il suo corpo a Leningrado. La moglie e il suo nuovo fidanzato, l’amante, il produttore, il figlio e una fotografa accompagnano la salma, ma non sanno chi li sta guidando. Un road movie in cui viaggiano l’amore, la gelosia, l’ambizione, l’avidità e le canzoni che il cantautore lascia dietro di sé. Tsoi non compare quasi mai, solo pochi fotogrammi rubati alla cronaca, e nessun attore a interpretarlo. Anche la sua musica non è presente, quella del film è composta dal giovane compositore Fyodor Zhuravlev. Ma l’iconica rockstar resta viva, osservando tutto dall’alto, come gli eroi destinati all’immortalità. Il poco convenzionale biopic ha innescato con gli eredi dell’artista una disputa. Il figlio chiede il sequestro del film che, secondo lui, distorce l’immagine del padre, morto in un incidente su un’autostrada lettone nel 1990, a soli ventotto anni.